star

1

star

2

star

3

star

4

star

5

< non mi piace ... mi piace >

Portico di Ottavia

Altri panorami da vicino

Portico di Ottavia

Italia > Roma

GPS : 41°53'31.56468"N, 12°28'42.9582"E

ID: 5858

Il Portico di Ottavia (Porticus Octaviae) è un complesso monumentale di Roma antica, edificato nella zona del Circo Flaminio in epoca augustea. L'insieme monumentale sostituiva il 'Portico di Metello' (Porticus Metelli), del II secolo a.C., ed era costituito da un recinto porticato che circondava i templi di Giunone Regina e di Giove Statore. I resti attualmente visibili appartengono ad una ricostruzione dell'epoca di Settimio Severo. Nel 179 a.C. il censore Marco Emilio Lepido dedicò il tempio di Giunone Regina. La statua di culto della dea, come riferisce Plinio, era opera dello scultore Timarchide. Nel 143 a.C. Quinto Cecilio Metello Macedonico, dopo aver celebrato un trionfo nel 146 a.C. sulla Macedonia, fece erigere un tempio dedicato a Giove Statore su progetto dell'architetto greco Ermodoro di Salamina. Il tempio viene descritto da Vitruvio come un vero periptero di tipo greco, il primo edificio sacro costruito interamente in marmo a Roma. Alla costruzione sono legati i nomi di Sauro e Batraco, probabilmente gli scultori incaricati della sua decorazione, che avrebbero lasciato come firma la rappresentazione di una lucertola (saurus) e di una rana (batrachus). Tra il 27 e il 23 a.C. si ebbe una radicale ricostruzione del complesso, finanziata con il bottino della vittoria sulla Dalmazia da Ottaviano, che lo dedicò a nome della sorella Ottavia (porticus Octaviae). I templi furono probabilmente rimaneggiati e nuovamente dedicati. Nella ricostruzione il portico venne ampliato e venne aggiunto l' ingresso monumentale sporgente al centro del lato verso il Circo Flaminio. Nell'80 il complesso subì danni in seguito ad un incendio e venne restaurato da Domiziano. Nel 203 il portico e probabilmente anche i templi, vennero ricostruiti con la stessa pianta, e nuovamente dedicati da Settimio Severo e Caracalla (portico di Severo o Porticus Severi), dopo le distruzioni dovute ad un incendio nel 191. Nel 442 subì i danni di un terremoto, in seguito ai quali due delle colonne del propileo di ingresso vennero sostituite dall'arcata tuttora esistente. Intorno al 770 a partire dal propileo di ingresso venne edificata la chiesa di San Paolo in summo circo, poi Sant'Angelo in Pescheria, tuttora esistente. Dalla sua istituzione (1555) entrò a far parte del ghetto di Roma.

Altri panorami da vicino

Panoramica
Sferico
Piccolo pianeta
Piccolo pianeta invertito

Visita virtuale visualizzate come immagini statiche.